top of page
  • lifang60

Il 23° vertice UE-Cina del 1 aprile 2022



Il 23° vertice UE-Cina si è tenuto il 1 aprile 2022 in videoconferenza. All'incontro hanno partecipato il presidente Xi Jinping, il premier Li Keqiang, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e l'alto rappresentante Josep Borrell.

I leaders hanno discusso della crisi ucraina, dello stato delle relazioni bilaterali e di aree di interesse comune come il cambiamento climatico, la salute, il commercio e l'economia digitale.

Il presidente Xi Jinping ha invitato l'UE ad adottare una politica indipendente sulla Cina, escludere le interferenze esterne dalle relazioni Cina-UE e collaborare con la Cina nell'ottica di pace e stabilità globale.


L'UE ha riaffermato il suo impegno a favore del principio di “una sola Cina” e ha espresso il desiderio di approfondire la cooperazione con la Cina in materia di commercio, investimenti, energia e sviluppo verde per affrontare insieme sfide globali come il COVID-19, i cambiamenti climatici, la protezione della biodiversità e promuovere la pace nel mondo, la crescita economica e la prosperità comune.


Sulla crisi ucraina, la Cina ha condiviso i suoi quattro punti di vista su come trovare una soluzione:

1. promuovere i colloqui di pace

2. prevenire una crisi umanitaria attraverso l'iniziativa in sei punti della Cina e gli aiuti umanitari

3.promuovere una pace duratura. La Cina sostiene l'UE, nel svolgere un ruolo primario e sostiene Europa, Russia, Stati Uniti e NATO nel dialogo per trovare soluzioni, in modo da costruire un quadro di sicurezza equilibrato, efficace e sostenibile in Europa.

4.gestire gli spillover. La Cina e l'UE devono impegnarsi a tenere sotto controllo la situazione e a mantenere stabili il sistema, le regole e le fondamenta dell'economia mondiale. Le due parti possono svolgere attività di coordinamento e cooperazione al riguardo.

L'UE ha detto alla Cina di non consentire alla Russia di aggirare le sanzioni occidentali imposte per l'invasione russa dell'Ucraina.

Relativamente al commercio e agli investimenti, il premier Li Keqiang ha detto che la Cina continuerà a promuovere un ambiente imprenditoriale orientato al mercato e basato sulla legge conforme agli standard internazionali e tratterà le imprese di tutti i tipi di proprietà alla pari. Il premier Li ha espresso la speranza che la Cina e l'UE rimangano aperte l'una all'altra, espandano costantemente l'accesso al mercato, proteggano la concorrenza leale e promuovano la liberalizzazione e l'agevolazione del commercio e degli investimenti.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno osservato che sia l'UE che la Cina sono membri importanti del sistema multilaterale e la Cina è un importante stakeholder. Hanno espresso la volontà dell'UE di impegnarsi in una stretta cooperazione con la Cina in settori quali la risposta al COVID, l'economia e il commercio, gli investimenti e la protezione delle indicazioni geografiche e di ampliare la cooperazione in materia di economia digitale, transizione energetica, sicurezza informatica, sforzi umanitari e azioni per il clima .


L'UE ha anche chiesto alla Cina la revoca delle misure restrittive nei confronti delle esportazioni lituane e dei membri del Parlamento europeo.

Per quanto riguarda la ripresa dalla pandemia da COVID-19, la Cina e l'UE hanno discusso la cooperazione sulla campagna di vaccinazione e la riapertura dell'economia e hanno confermato il proprio impegno a collaborare con altri Stati membri dell'Organizzazione mondiale della sanità su un nuovo accordo sulla prevenzione, la preparazione e la risposta.



China-EU Relations factsheet

EU-China_Factsheet_01Apr2022
.pdf
Scarica PDF • 239KB

Silk Council

Ufficio stampa


5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page